• Portugal, EUR | IT
  • + Aggiungi evento
  • ingresso
    Lisbon, + 50 km
    principale / eventi / PEDRO MELO ALVES' OMNIAE LARGE ENSEMBLE
    PEDRO MELO ALVES' OMNIAE LARGE ENSEMBLE

    Biglietti per PEDRO MELO ALVES' OMNIAE LARGE ENSEMBLE

    Coliseu dos Recreios
    Lisbon
    Find in other city
    Date and time
    descrizione
    Foto e video
    sede

    orario «PEDRO MELO ALVES' OMNIAE LARGE ENSEMBLE»

    21
    nov
    sabato Sa-00:00
    nov, 2020
    nov 21 Sa-00:00
    00:00
    Coliseu dos Recreios  ?
    Rua das Portas de Santo Antão, 96, 1150-269, Lisbon, Portugal

    descrizione

    PromoterOficina CIPRLBreve IntroductionPedro Melo Alves (n. 1991, Porto) è attualmente uno dei musicisti della nuova generazione di jazz più evidenziati dalla critica specializzata in Portogallo. Con un background nel pianoforte e nella composizione, questo batterista e compositore ha sviluppato negli ultimi cinque anni un viaggio coerente e diversificato, moltiplicato per molte delle principali coordinate della musica contemporanea. Nei territori più vicini al jazz o all'improvvisazione, possiamo mettere in evidenza i gruppi The Rite of Trio e Omniae Ensemble (con cui si esibirà in questa edizione di Guimaràes Jazz, in una versione ingrandita) o collaborazioni con musicisti come Luàs Vicente (del cui trio Melo Alves è membro), Joo Paulos Esteves da Silva o l'arpista Jacqueline Kerrod. La musica elettroacusstica è esplorata sia da solista che in formato collaborativo dal batterista, che è anche un membro della rock band Catacombe e puntuale compositore di colonne sonore per il teatro e la danza e pezzi di musica contemporanea l'ultimo è stato l'assolo di marimba che SUPERMATRIX sei nato per fallire, commissionato da Antena 2.The Omniae Ensemble è originariamente un setto guidato da Melo Alves e utilizzato allo stesso tempo come un gruppo di interpretazione. Vincitore del premio di composizione Bernardo Sassetti nel 2016, questo progetto ha meritato il plauso nazionale e internazionale per l'originalità dei suoi paesaggi sonori insoliti e lussureggianti, supportati da orchestrazioni complesse e sottili e dal flusso organico dell'improvvisazione. Al Guimaràes Jazz, questo setto agirà in un formato esteso a ventitré musicisti e adattato ad una strumentazione insolita composta da un nucleo principale di legni, metalli e archi (batteria, pianoforte, contrabbasso, chitarra, sassofono, flauto, clarinetto, fagotto, trombone, tromba, tuba e violoncello) completato da una sezione di voci e percussioni elettroniche dirette dal prestigioso percussionista e direttore d'orchestra Pedro Carneiro. che terminerà l'edizione 2020 del festival, segnerà così il debutto assoluto di un ambizioso progetto musicale di un musicista e compositore eterodossa, creatore di una canzone allineata con le tendenze stilisticamente deterritorializzate della musica globale del XXI secolo e che, a prescindere dalle considerazioni sulle sue caratteristiche formali, suggerisce il desiderio di costruire un'identità musicale propria capace di raggiungere livelli più elevati di risonanza emotiva ed estetica. Foglio artisticoPedro Melo Alves, batteria e composizioneJosé Diogo Martins, pianoFilipe Louro, contrabassMané Fernandes, chitarraJoo Miguel Braga Simàes, percussioniJoo Carlos Pinto, elettronicaJosé Soares, sassofono altoAlbert Cirera, sassofonoSJoo Pedro Brando, saxonofono contralto e flautoClara Saleiro, flautiFrederic Cardoso, clarinetti-lvaro Magalhàes, fagottoGileno Santana, trombaIncontro Santana, trombaIncontro